La Prof.ssa Maria Fodale ha fatto una donazione di centocinquantamila euro alla Scuola Media "N.Festa" di Matera.

La signora, docente in pensione dell'Istituto Materano, ha preso questa decisione, per ricordare la memoria di suo padre Prof. Antonino, già preside della "N.Festa" negli anni Quaranta e di suo fratello Carmelo.

Così come è stabilito nell'atto notarile redatto dal Notaio Michele Casino, presenti il Prof. Pancrazio Toscano, dirigente dell'Istituto materano, il Prof. Antonio Labriola e Vito Mascolo (testimoni), una parte dei fondi (centotrentamila euro) dovrà essere depositata presso un Istituto Bancario e utilizzata per l'acquisto di titoli di Stato fruttiferi, in modo tale da destinare gli utili percepiti a borse di studio per gli alunni bisognosi e meritevoli, a partire dall'anno scolastico 2008-2009. Tale borsa di studio sarà intitolata al preside Prof. Antonino Fodale.

I restanti ventimila euro dovranno essere utilizzati per coprire le spese per la realizzazione di opere edili necessarie a rendere il locale adibito a teatro dell'Istituto "N.Festa" più idoneo all'uso cui è destinato, dotandolo anche di suppellettili ed attrezzature. Ultimati i lavori, il teatro sarà intitolato a Carmelo Fodale, figlio del Prof. Fodale.

L'occasione di questa donazione è stata data da una pura casualità. Il Prof. Antonio Labriola, per realizzare il sito internet della Scuola Media "N.Festa", dove esericitava la sua professione di docente di Lettere, si recò a casa della Prof.ssa Maria Fodale per ottenere una foto di suo padre, Prof. Antonino, da inserirla nella pagina del sito dedicata ai presidi succedutisi nella direzione della Scuola. In tale occasione la Professoressa espresse la volontà della donazione che il Prof. Labriola comunicò al Dirigente Prof. Toscano. In seguito ad alcuni incontri con la famiglia Fodale e, dopo accordi presi con il notaio, il giorno 22 Febbraio 2008 venne stipulato l'atto notarile nell'abitazione della stessa Prof.ssa Maria Fodale.

E' un gesto più unico che raro, almeno nella comunità materana. Non c'è memoria, infatti, di un simile atto verificatosi nella storia di questa città. Un grazie sentitissimo alla Professoressa per l'altruismo mostrato nei confronti della Scuola, ma, in particolare, degli alunni bisognosi e meritevoli.